Perché rivestire i pavimenti delle industrie con le resine in tempo di Coronavirus

Perché rivestire i pavimenti delle industrie con le resine in tempo di Coronavirus
27
apr

Le misure da adottare per la prevenzione da contagio da Covid-19 possono essere molteplici ma gli esperti sottolineano senza dubbio l’importanza della pulizia delle superfici.

Disinfettare le superfici lavabili, infatti è un ottimo metodo di prevenzione. Si consiglia di disinfettare tutti gli oggetti di uso comune e, ovviamente, lavare i pavimenti con detersivi di qualità e disinfettanti.

Ci sono tuttavia, delle superfici che sono più facili da pulire di altre proprio per le loro caratteristiche tecniche. Le superfici lisce, infatti, permettono una pulizia più rapida e spesso più efficace rispetto a quello irregolari o porose poiché lo sporco non può depositarsi all’interno delle minuscole fessure.

Lo stesso vale per i pavimenti e per la loro composizione, non solo per il materiale ma anche per la presenza o meno di piastrelle e di conseguenza di fughe. Non è raro infatti che lo sporco si vada a depositare proprio tra una piastrella e l’altra con conseguente difficoltà, quando si passa lo straccio, nel pulire quella piccola porzione profonda qualche millimetro.

I vantaggi dei pavimenti in resina al tempo del Covid-19

Il pavimento in resina offre molteplici vantaggi di applicazione ma nello specifico, di questi tempi, è indispensabile sottolineare alcune caratteristiche che lo rendono la soluzione perfetta per ridurre il contagio da coronavirus:

  • Il pavimento in resina è uniforme, non presenta fughe ed è essenzialmente liscio. Rispetto al calcestruzzo, che è poroso e assorbe sporco e liquidi, il rivestimento in resina è impermeabile in superficie e pertanto facilmente lavabile.
  • I rivestimenti in resina, oltre alle riconosciute caratteristiche di resistenza e durata, consentono una corretta sanificazione. Per questo motivo molti ospedali e strutture che necessitano alti standard igienici (ospedali, cliniche, sale operatorie, filiera farmaceutica e alimentare) applicano ormai da anni questo virtuoso materiale per la pavimentazione.
  • Oltre ad avere un’ottima resistenza alle sollecitazioni meccaniche e alle aggressioni chimiche (disinfettanti, alcool, ecc.) il rivestimento in resina ha anche una buona resistenza alle alte temperature, è quindi possibile sanificare i pavimenti in resina anche con soluzioni che uccidono virus e batteri attraverso la temperatura (ad esempio sanificazione tramite vapore acqueo).
  • Le pavimentazioni industriali in calcestruzzo usurate o ammalorate sono ricettacolo di sporco e batteri. Con un unico intervento poco invasivo le soluzioni in resina consentono di ripristinare e contemporaneamente rendere la superficie idonea alla pulizia e alla sanificazione.
  • Le pavimentazioni industriali rivestite da piastrelle sono difficilmente pulibili e disinfettabili nelle fughe. Le nostre soluzioni consentono di rivestire anche le superfici in piastrelle senza l’obbligo di demolizione.
  • Con le resine è possibile realizzare profili sguscia perimetrali, soluzioni che ricoprono la giuntura tra pavimento e pareti per renderla adatta alla pulizia ed evitare che possano depositarsi sporco e batteri.
  • Nelle aree rivestite in resina è possibile definire gli spazi e le distanze tra operatori scegliendo diverse colorazioni.

Se state realizzando dei lavori di manutenzione per il vostro immobile o siete intenzionati a farlo, la pavimentazione in resina potrebbe essere una soluzione ideale anche per mantenere un elevato standard igienico.

Contattaci per maggiori informazioni!

Leave A Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *